La Condizione Umana In Leopardi E Schopenhauer Essays

"Che cosa è la vita? Il viaggio di uno zoppo e infermo che con un gravissimo carico in sul dossoper montagne ertissime e luoghi sommamente aspri, faticosi e difficili, alla neve, al gelo, alla pioggia, al vento, all'ardore del sole, cammina senza mai riposarsi dì e notte uno spazio di molte giornate per arrivare a un cotal precipizio o un fosso, e quivi inevitabilmente cadere".

(Giacomo Leopardi)

"L'esistenza umana ha certo come suo ultimo scopo il dolore: ove così non fosse, dovremmo dire che le manca la ragione d'essere al mondo. Ed invero, come ammettere che l'infinito dolore scaturente dalla miseria, di cui è intessuta la trama d'ogni vita quaggiù, non sia se non una mera accidentalità, e non piuttosto ne costituisca la finalità? Ogni singolo malanno, preso in sé, si presenta innegabilmente come fatto d'eccezione, ma in linea generale è regola la sventura".

(Arthur Schopenhauer)




Nel dicembre 1858 il critico Francesco De Sanctis pubblica su Rivista Contemporanea di Torino il suo "Dialogo (Schopenhauer e Leopardi)".  Il pessimismo dei due pensatori, la loro concezione del mondo, la condizione dell'esistenza umana disvelata come perennemente legata al dolore e alla sofferenza, vengono per la prima volta messi a confronto. Da quel breve testo, nato quando ancora l'ottimismo ottocentesco godeva di buona e forte salute, avranno inizio  innumerevoli tentativi di accostamento destinati, specie nel più debole e malfermo secolo successivo, a delineare i caratteri di un pessimismo metafisico tra i più radicali della storia del pensiero umano.

Nel dialogo viene esposta la filosofia di Schopenhauer: si parla del mondo come volontà e rappresentazione, del Wille (volontà di vivere) e dei patimenti che causa all'uomo. E anche dei tre modi per superare il dolore: l'arte, l'etica e l'ascesi. Inoltre Schopenhauer viene paragonato a Leopardi. Scrive il De Sanctis:

« Leopardi e Schopenhauer sono una cosa. Quasi nello stesso tempo l'uno creava la metafisica e l'altro la poesia del dolore. Leopardi vedeva il mondo così, e non sapeva il perché. [...] Il perché l'ha trovato Schopenhauer con la scoperta del Wille. »

Nella parte finale dell'opera tuttavia la filosofia di Schopenhauer viene quasi liquidata,  mentre il significato progressivo del nichilismo leopardiano viene rivalutato.

Ernst Otto Lindner (traduttore dei Canti di Leopardi per la Vossische Zeitung) fece leggere a Schopenhauer l'articolo del De Sanctis. 

E a Schopenhauer il dialogo piacque molto,nonostante le invettive finali contro di lui:

« Ho letto quel dialogo due volte attentamente, e debbo stupire nel riconoscere in qual grado questo italiano si sia impossessato della mia filosofia. »

A Schopenhauer (1788-1860) piacque infatti vedersi accostato a Leopardi, che considerava un «fratello spirituale italiano».

Leopardi (1798-1837) non conobbe Schopenhauer, almeno per quanto a noi noto

CONFRONTO SCHOPENHAUER- LEOPARDI

a cura di Rossella Vecchio

classe 5 B



SCHOPENHAUER E LEOPARDI

di Grazia Russo
classe 5 B

e ancora, dalla classe 5 B:


IL CONFRONTO DI MARCO RACITI



LA PROPOSTA DI YLENIA SCARPIGNATO


CRISTINA ATTINA' CONFRONTA


LE DUE CONCEZIONI SECONDO CRISTINA DI PRIMA

 

Saggio breve e articolo di giornale

AA

MBITOMBITO

ARTISTICOARTISTICO

--

LETTERARIOLETTERARIO

AA

RGOMENTORGOMENTO

: I: I

LL

DOLOREDOLORE

EE

LALA

FRAGILITÀFRAGILITÀ

DELLADELLA

CONDIZIONECONDIZIONE

UMANAUMANA

NELLANELLA

POESIAPOESIA

DIDI

LL

EOPARDIEOPARDI

..DD

OCUMENTAZIONEOCUMENTAZIONE

//

DOSSIERDOSSIER

: L’: L’

ULTIMOULTIMO

CANTOCANTO

DIDI

SS

AFFOAFFO

, L, L

AA

QUIETEQUIETE

DOPODOPO

LALA

TEMPESTATEMPESTA

..UU

TILIZZATETILIZZATE

LALA

DOCUMENTAZIONEDOCUMENTAZIONE

FORNITAFORNITA

PERPER

SCRIVERESCRIVERE

UNUN

TESTOTESTO

ININ

FORMAFORMA

DIDI

SAGGIOSAGGIO

BREVEBREVE

EE

ARTICOLOARTICOLO

DIDI

GIORNALEGIORNALE

. A. A

SSEGNATESSEGNATE

UNUN

TITOLOTITOLO

ALLALL

’’

ELABORATOELABORATO

,,

INDICANDOINDICANDO

LALA

COLLOCAZIONECOLLOCAZIONE

EDITORIALEEDITORIALE

((

QUOTIDIANOQUOTIDIANO

,,

PERIODICOPERIODICO

,,

RIVISTARIVISTA

SPECIALIZZATASPECIALIZZATA

,,

CONVEGNOCONVEGNO

ECCECC

.)..).AA

DOTTATEDOTTATE

UNUN

REGISTROREGISTRO

LINGUISTICOLINGUISTICO

ADEGUATOADEGUATO

ALAL

TIPOTIPO

DIDI

TESTOTESTO

EE

ALLAALLA

COLLOCAZIONECOLLOCAZIONE

..TT

EMPOEMPO

11

ORAORA

..EE

STENSIONESTENSIONE

DELLDELL

’’

ELABORATOELABORATO

::

DUEDUE

COLONNECOLONNE

..GUIDA ALLA LETTURA DEI DOCUMENTIGUIDA ALLA LETTURA DEI DOCUMENTI

Fase 1: esame dei documenti.

Bisogna leggere i documenti con una domanda: quali informazioni miservono perché illustrano l’argomento di cui devo scrivere?

Sottolineare

questi punti del testo.

Fase 2: conoscenze personali.

I punti del testo che ho sottolineato perché legati all’argomento miricordano qualche mia conoscenza o esperienza?

Annotarla per poterla, poi, eventualmente inserirenel testo.

Fase 3: nodi di idee.

Collegare i vari dati, cogliendo somiglianze e differenze.

Fase 4: Selezionare i dati.

Dei dati raccolti, scegliere quelli che si vuole effettivamente utilizzare perché significativi. Non c’è bisogno di usare tutti i dati, anzi bisogna evitare le ripetizioni.

Fase 5: creazione di un percorso logico dei dati tramite una scaletta.

Dopo aver scelto i dati, lidevo collegare in modo coerente, arrivando a una conclusione sull’argomento.

STESURA DEL SAGGIO BREVE

1. Stabilire la collocazione, per esempio una rivista.2. Iniziare a scrivere seguendo la scaletta e usando un linguaggio appropriato, formale, elegante.3. Creare paragrafi.4. Concludere.5. Rivedere il testo scritto, evitando le ripetizioni e curando la punteggiatura.6. Mettere il titolo.

One thought on “La Condizione Umana In Leopardi E Schopenhauer Essays

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *